eShowcard | Teatro Di Cagno: giovedì 21 gennaio “Sotto a chi tocca”, primo appuntamento della nuova rassegna d’autore “# Pensieri In Ozio”
cinema, eshowcard, e.showcard, agis, anec, agis puglia, regione puglia, puglia, teatro, spettacoli, imood, e.showcard basic, e.showcard university, la passione entra in scena, teatri, card, convenzioni, università, bari, lecce, taranto, foggia, brindisi, bat, concerti
916
single,single-post,postid-916,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-1.0a,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.5,vc_responsive

Teatro Di Cagno: giovedì 21 gennaio “Sotto a chi tocca”, primo appuntamento della nuova rassegna d’autore “# Pensieri In Ozio”

Sotto a chi tocca

18 Gen Teatro Di Cagno: giovedì 21 gennaio “Sotto a chi tocca”, primo appuntamento della nuova rassegna d’autore “# Pensieri In Ozio”

Giovedì 21 gennaio al Teatro Di Cagno di Bari va in scena “Sotto a chi tocca” il primo appuntamento della nuova rassegna d’autore # Pensieri in ozio”.

Tratto da “Il calapranzi” di Harold Pinter di e con Ermanno Rizzi e Luca Mastrolitti, l’azione ha per protagonisti due uomini, Ben e Gus che, in un seminterrato, sono in attesa di “qualcosa”.

Ben, più autoritario, trascorre il tempo leggendo il giornale, Gus invece è passivo ma è l’unico che utilizza la parola in modo positivo, facendo domande che, però, quali non trovano mai risposta. Ne derivano dialoghi vuoti, illogici, irrazionali. Si scoprirà che i due sono sicari professionisti in attesa di istruzioni da un misterioso capo, che si scopre essere la mano divina. Non conoscono la loro vittima, sanno solo che prima o poi entrerà dalla porta del seminterrato e dovranno ucciderla. Ben è indeciso se eliminare la sua interiore personalità, identificata nell’opera nella persona di Gus, molto più semplice e positiva. Nasce così tra i due un gioco e una sfida che porta a scoprire il senso dell’uomo libero e all’essenza dell’essere o non essere liberi.

“# Pensieri in ozio” prosegue con altri quattro appuntamenti in cartellone fino a giovedì 10 marzo. All’insegna della qualità e della tradizione la rassegna, con la direzione artistica di Ilaria Di Bari, ripercorre un repertorio che si propone di incontrare il gusto del pubblico più vasto. Tra giovani attori e professionisti del palcoscenico, compagnie teatrali locali e non, la nuova rassegna ha l’obiettivo di mantenere sempre vivo il messaggio dei grandi poeti, drammaturghi e scrittori dei secoli scorsi e dei giorni nostri.

Il Teatro Di Cagno dunque si sdoppia: non più solo santuario della risata e della comicità ma anche delle opere d’autore e della tradizione letteraria. Situato all’interno della storica struttura “Istituto Di Cagno Abbrescia”  dei Padri Gesuiti in C.so Alcide De Gasperi 320, il teatro conta 270 posti ed un comodo parcheggio.